Logo MS więcej niż OKNA.

Vetro antieffrazione e sicuro

Un modo collaudato per migliorare la tua sicurezza.

Vetro rotto.

Lo sviluppo della tecnologia ha contribuito all’aumento dei requisiti per i serramenti. Attualmente prestiamo attenzione non solo al fatto che la finestra abbia un buon isolamento termico e fornisca la giusta quantità di luce all’interno, ma anche ad altri aspetti. Attualmente viene prodotto, tra gli altri vetri antieffrazione e sicuri.

Definizione e struttura del vetro di sicurezza

Il vetro di sicurezza è solitamente costituito da due lastre di vetro. Tra di loro c’è uno strato di pellicola PVB (polivinil butirrale), spesso 0,38 mm. Viene utilizzato per fornire al vetro una protezione aggiuntiva. Se il vetro viene colpito, la pellicola trattiene il vetro rotto e ne impedisce la dispersione. Questa soluzione viene utilizzata anche nei parabrezza delle autovetture. I vetri descritti sono chiamati laminati (VSG). La variante più popolare è un inserto costituito da due lastre di vetro (ciascuna di 3 mm di spessore), separate da una lamina in PVB.

Metodo di marcatura: VSG 33.1

dove:

  • 33 – significa 2 lastre di vetro, ognuna di 3 mm di spessore,
  • 1 – significa uno strato di pellicola PVB.

Vale la pena ricordare che, sebbene il termine vetro di sicurezza sia spesso utilizzato in relazione al vetro 33.1, descrive una gamma di prodotti più ampia.

Caratteristiche del vetro temperato

Un tipo separato di vetro di sicurezza è il vetro temperato (ESG). Il vetro temperato di 6 mm di spessore è più resistente alle fessurazioni rispetto alla sua controparte laminata. Ciò è dovuto all’aumento della resistenza alla flessione ottenuto come risultato del processo di indurimento. Tuttavia, al momento dell’impatto, il vetro temperato si frantuma immediatamente in piccoli pezzi smussati.

Il vetro temperato è uno dei tipi di vetro di sicurezza.
Il frammento rimanente del vetro temperato rotto.

Vetro temperato: come sono fatti?

Il vetro si indurisce riscaldandolo ad alta temperatura (oltre 600°C) e poi raffreddandolo rapidamente. Tale trattamento rende il vetro temperato più resistente termicamente rispetto al vetro float. Ha anche una migliore resistenza alla flessione. Sono utilizzati in luoghi soggetti a una forte luce solare. Inoltre, il vetro temperato viene utilizzato quando sono richiesti materiali di sicurezza.

Standard di vetro di sicurezza

Le normative legali che specificano la definizione e la divisione dei vetri di sicurezza sono incluse nelle seguenti norme: PN-EN ISO 12543-2 “Vetro da costruzione – Vetro stratificato e vetro stratificato di sicurezza” i PN-EN 12150-1 “Vetro in costruzione – Vetro di sicurezza in silicato soda-calcico a tempera termica”. I documenti contengono le condizioni che devono essere soddisfatte dal vetro per essere considerato sicuro. Inoltre, i pannelli sono stati suddivisi in 3 categorie. L’assegnazione a un dato gruppo dipende dal comportamento del vetro durante la prova della sua resistenza alla frattura. La prova viene eseguita utilizzando un pendolo morbido del peso di 50 kg. Viene utilizzato per colpire un vetro e simulare così un urto accidentale sul vetro (ad es. Con una palla). Ad esempio, il vetro di sicurezza 33.1 mostrato in precedenza è assegnato alla categoria 2B2. È possibile incontrare un tale contrassegno durante la lettura della documentazione della finestra.

Vetro antieffrazione: che cos’è?

Un altro tipo di prodotti sono i vetri comunemente indicati come antieffrazione. Vale la pena rendersi conto che, nonostante il nome, questi vetri non offrono una protezione completa contro i ladri. Tuttavia, rendono più difficile l’accesso alla casa. Quindi, contribuiscono al ritardo dell’irruzione. Di conseguenza, forniscono ai residenti il tempo di reagire in modo appropriato.

Il vetro antieffrazione impedisce l'intrusione all'interno.
Un tentativo di rompere un vetro stratificato con una pietra.

Classificazione dei vetri antieffrazione

Secondo lo standard, il vetro antieffrazione è suddiviso in 8 classi. Nelle classi da P1A a P5A, l’elemento utilizzato per simulare l’impatto è una sfera d’acciaio del peso di 4,11 kg. Viene fatto cadere sul vetro da una certa altezza per verificare la resistenza del prodotto. Le classi particolari differiscono l’una dall’altra per il numero di colpi di palla e per l’altezza da cui viene abbassata. Per i gradi da P6B a P8B, i test vengono eseguiti utilizzando un’ascia e un martello. Il vetro così contrassegnato è caratterizzato dalla massima resistenza all’attacco manuale. È importante sottolineare che il vetro temperato non viene utilizzato come antieffrazione. Secondo lo standard, questa funzione può essere eseguita solo da vetro stratificato.

Costruzione di vetri antieffrazione

Una caratteristica del vetro antieffrazione è la presenza di più strati di pellicola in PVB. Il vetro antieffrazione più diffuso ha la seguente struttura:

  • Vetro P2A – 2 strati di pellicola PVB, ovvero 2 x 0,38 mm = 0,76 mm dello spessore del film,
  • Vetro P4A – 4 strati di pellicola PVB, ovvero 4 x 0,38 mm = 1,52 mm dello spessore del film.

Per esempio:

Il vetro VSG 44.2 è composto da due lastre di vetro con uno spessore di 4 mm e due strati di pellicola con uno spessore totale di 0,76 mm. Lo spessore totale dell’inserto è quindi di 8,76 mm.

L’uso di vetri antieffrazione

Il vetro laminato di almeno la classe P3A viene utilizzato, tra l’altro, in come siti per centri commerciali, musei e gioiellerie. Tuttavia, non va dimenticato che il vetro è uno dei componenti della finestra. Le sue proprietà antieffrazione non vanno quindi equiparate alla resistenza dell’intera finestra all’attacco manuale. Le norme relative a finestre e porte con maggiore resistenza all’effrazione sono descritte nella norma PN-EN 1627 “Porte, finestre, facciate continue, inferriate e persiane – Resistenza all’effrazione – Requisiti e classificazione”. Secondo esso, i prodotti sono assegnati a una delle tre classi di resistenza. Uno dei requisiti per il vetro con un’elevata resistenza antieffrazione elencato nella norma è che il vetro deve avere almeno la classe P4A. Per questo motivo, il vetro stratificato P4A – della struttura VSG 44.4 – viene spesso definito vetro antieffrazione.

Vetri antieffrazione nelle abitazioni

Gli inserti, chiamati colloquialmente vetri antieffrazione, sono uno degli elementi che dovrebbero essere utilizzati per proteggere la tua casa dai furti con scasso . Non sono in grado di proteggere completamente l’interno dall’intrusione di una persona indesiderata, ma lo rendono effettivamente difficile. Il vetro laminato con diversi strati di pellicola PVB è una buona scelta anche quando si cercano le finestre giuste per la stanza di un bambino . Un’altra soluzione che funzionerà bene in una stanza per un bambino è il vetro di sicurezza temperato.

Vetro protettivo negli appartamenti

I seguenti prodotti sono le vetrate protettive più popolari utilizzate nella costruzione di alloggi:

  • Vetro stratificato di sicurezza 2B2 , costruzione 33,1 (spessore 6,38 mm),
  • vetro con maggiore resistenza all’effrazione P2A , struttura 44,2 (spessore 8,76 mm),
  • Vetro antieffrazione P4A , costruzione 44,4 (spessore 9,52 mm).

Vale anche la pena menzionare la possibilità di utilizzare una pellicola acustica negli inserti di vetro sopra menzionati. Contribuisce alla riduzione livello di rumore raggiungendo all’interno, che aumenta la funzionalità della finestra.

1. Trova lo showroom più vicino

La catena di rivenditori autorizzati MS è pronta a servire i clienti.

2. Contatta la fabbrica MS (telefono / e-mail)

I nostri specialisti risponderanno alle vostre domande, prepareranno un'offerta e consentiranno di prenotare finestre per una data specifica.

3. Valutazione in linea di finestre MS

Una semplice applicazione che ti permetterà di conoscere tu stesso i prezzi di MS Windows